News dal territorio
Franco Demaria candidato con la lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvato il nuovo Piano regionale di Qualità dell’Aria, documento programmatico…Dalla Regione 2 milioni e 50 mila euro per rimuovere…Assegnati 2 milioni e mezzo di euro per tutte le…Visita alle istituzioni europee di StrasburgoFirmato l’accordo preliminare per il rinnovo del contratto integrativo regionale…Emergenza incendi, grazie ai volontari Aib e a tutto il…La Regione Piemonte premiata a Roma per le Associazioni FondiarieApprovata la legge regionale che istituisce circa 10mila ettari di…Indennità compensativa: stanziati 22 milioni di euro in più di…Forestali Regionali, gli interventi più significativi del 2018 nelle Valli…Operai forestali al lavoroMonviso in Movimento lancia 14 Comitati del SìEletto il nuovo direttivo di Monviso in MovimentoIl Gal “Tradizione delle Terre Occitane” presenta due anni di…Definiti i criteri per la concessione di nuovi contributi ai…Approvata la Carta Etica della montagnaApprovato il Protocollo d’Intesa per la la messa in sicurezza…La Regione riconosce un contributo per ogni pianta da tarfuto…Presentato il Calendario Outdoor della Regione PiemonteLa Regione sostiene con 35 mila euro la candidatura delle…Incontro di Monviso in Movimento a 100 anni dall’appello “A…Un milione di euro alle Unioni Montane, collinari e di…Forestali della Regione al lavoro a SampeyreDalla Regione risorse a favore delle Associazioni FondiarieRiuso e rigenerazione urbana in Piemonte

Anche Monviso in piazza Castello a Torino

C’e anche una delegazione di Monviso in Piazza Castello a Torino insieme alla Rete delle Liste civiche alla manifestazione Si Tav come ci testimonia la foto del nostro Edoardo da Torino. In 30.000 mila hanno raccolto l’invito delle “Madamin” le sei signore torinesi che hanno lanciato la proposta via social perché, dicono “non vogliamo finire relegate in un angolo della Pianura Padana. Per questo la Tav è fondamentale, ma Torino deve guardare avanti anche su altri fronti, dal lavoro al turismo, dalla cultura alla solidarietà”. Piazza Castello è piena all’inverosimile, migliaia e migliaia di piemotesi mobilitati per dire di sì alla Tav ma soprattutto per dire di si a un futuro fatto di infrastrutture, lavoro, sviluppo, cultura, inclusione, diritti.

scroll to top