Contributo alle scuole dell’infanzia paritarie

REGIONE PIEMONTE

L’articolo 14 della legge regionale 28 dicembre 2007 n. 28 (Norme sull’istruzione, il diritto allo studio e la libera scelta educativa), ribadendo l’importanza della funzione sociale e formativa esercitata dalle scuole dell’infanzia paritarie che non abbiano fine di lucro e che siano aperte alla generalità dei cittadini e riconoscendo il servizio di pubblica utilità che esse svolgono sul territorio assicura l’intervento finanziario della Regione Piemonte a sostegno delle spese di funzionamento delle medesime. L’intervento si attua tramite i Comuni che, mediante apposite convenzioni redatte secondo quanto previsto dallo schema tipo approvato con D.G.R. n. 32-8907 del 4 giugno 2008, concorrono a loro volta alle spese di gestione delle scuole.

In particolari situazioni e al fine di mantenere il servizio in zone disagiate, la Regione può assegnare tali contributi direttamente alle scuole dell’infanzia paritarie, previo parere dei Comuni in cui hanno sede (art. 14, comma 4, l.r. 28/2007). 

Possono presentare l’istanza di contributo all’amministrazione regionale esclusivamente le scuole dell’infanzia paritarie la cui richiesta di convenzionamento sia stata rigettata dal Comune territorialmente competente; l’assegnazione del contributo sarà comunque subordinata all’espressione di parere da parte del Comune sul ruolo svolto dalla scuola in ambito comunale e sulle rette applicate.

Il contributo è assegnato alle sezioni di scuola dell’infanzia costituite e funzionanti con un numero minimo di 15 alunni, fatta eccezione per le scuole a sezione unica per le quali il numero minimo previsto per l’accesso al contributo è di 8 alunni.

Scade il 30 novembre 2019

Per informazioni:

https://bandi.regione.piemonte.it/contributi-finanziamenti/contributo-alle-scuole-dellinfanzia-paritarie-as-20192020

scroll to top