Il Riuso vera risposta al tema del consumo di suolo

Nelle settimane scorse, il Consiglio Regionale ha licenziato a larga maggioranza la legge regionale 16/2018 dal titolo: “Misure per il riuso, la riqualificazione dell’edificato e la rigenerazione urbana”. E’ il  frutto di un lavoro tecnico sviluppato nell’ultimo anno dall’Assessorato con il Tavolo dell’Edilizia costituito dalla Rete delle professioni tecniche, da Confindustria con Ance, dall’INU e dai rappresentanti di Comuni e Province. Questo lavoro, propedeutico e parallelo al percorso politico nella Commissione competente, ha permesso di costruire  un testo condiviso, concreto e fortemente innovativo.   La Legge riguarda le  nuove norme per il riuso,la riqualificazione e la rigenerazione urbana ed è la vera e concreta risposta al tema del consumo di suolo . E’  stata approvata in un’ottica di semplificazione dell’iter,  di ampliamento dei beneficiari e delle destinazioni ( per esempio nei sottotetti non più la sola destinazione residenziale), e di incentivo al riuso e alla riqualificazione non solo energetica.  Nella legge vengono messi insieme i contenuti del piano casa, la legge sui sottotetti e la legge sui rustici, facendoli uscire da un percorso derogatorio e a compartimenti stagni  per farli diventare una norma strutturale  e organica nella logica di favorire il riuso e la rigenerazione, in alternativa al consumo di suolo.

Un obiettivo importante è quello di recuperare e riqualificare l’enorme patrimonio immobiliare esistente, in parte inutilizzato, costruito nel secondo dopoguerra e non più adeguato energeticamente  e funzionalmente. Vorremmo rigenerare le molte periferie delle nostre città dando nuovo slancio al settore dell’edilizia dopo  i pesanti anni di crisi trascorsi. La legge contiene elementi innovativi significativi: dalla demolizione selettiva alla deimpermeabilizzazione,  dalla possibilità di spostare cubatura con lo strumento della perequazione alle nuove norme per la decostruzione.

Il tutto con un unico fine richiamato all’inizio della legge: “LA PROMOZIONE DELLA BELLEZZA, intesa come qualità urbanistica, del paesaggio, urbana e del costruito è uno dei principi ispiratori delle politiche regionali e  territoriali.” (art. 1 comma 1). Per illustrare i contenuti della norma stiamo organizzando sul territorio momenti di incontro con amministratori, tecnici comunali e professionisti. Un momento di confronto importante per approfondire questi temi di grande attualità.

 Alberto Valmaggia

 

 

scroll to top