News dal territorio
Alberto Valmaggia: “Nel 2014 abbiamo ereditato un ente sull’orlo del…Federico Borgna si schiera con Sergio Chiamparino e sostiene la…1 milione di euro per il rinnovo dei veicoli inquinanti…L’Assessore Alberto Valmaggia: “La provincia di Cuneo, modello virtuoso nella…Federico Borgna: “Il 26 maggio diciamo due sì, uno alla…Andrea Olivero sostiene la Lista Chiamparino per il Piemonte del…“Non dobbiamo tornare indietro, ma andare avanti”Piemonte 1° in Italia nella gestione dei fondi della Cooperazione…“Una montagna di opportunità” a Paesana con la lista Chiamparino…A Roma con gli assessori delle Regioni del Bacino Padano3 milioni di euro di contributo per la stesura dei…Nuovo contratto dei Forestali della Regione: soddisfazione da parte dei…2 milioni e 400 mila euro di nuove risorse per…Approvato il piano straordinario di interventi di ripristino del territorioOltre 17 milioni di euro dalla Regione per garantire il…Nuove risorse della Regione ai Vigili del Fuoco VolontariCampeggio libero, per la prossima stagione estiva non cambierà nullaC’è la nuova legge regionale per la MontagnaÈ pronta la Lista “Chiamparino per il Piemonte del Sì”Approvati i criteri per l’assegnazione di contributi per l’efficientamento energetico…Enrico Tesio candidato della lista “Chiamparino per il Piemonte del…Valeria Anfosso candidata per la Lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvata la nuova Legge in materia di tutela, valorizzazione e…Franco Demaria candidato con la lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvato il nuovo Piano regionale di Qualità dell’Aria, documento programmatico…Dalla Regione 2 milioni e 50 mila euro per rimuovere…Assegnati 2 milioni e mezzo di euro per tutte le…Visita alle istituzioni europee di StrasburgoFirmato l’accordo preliminare per il rinnovo del contratto integrativo regionale…Emergenza incendi, grazie ai volontari Aib e a tutto il…La Regione Piemonte premiata a Roma per le Associazioni FondiarieApprovata la legge regionale che istituisce circa 10mila ettari di…Indennità compensativa: stanziati 22 milioni di euro in più di…Forestali Regionali, gli interventi più significativi del 2018 nelle Valli…Operai forestali al lavoroMonviso in Movimento lancia 14 Comitati del SìEletto il nuovo direttivo di Monviso in MovimentoIl Gal “Tradizione delle Terre Occitane” presenta due anni di…Definiti i criteri per la concessione di nuovi contributi ai…Approvata la Carta Etica della montagnaApprovato il Protocollo d’Intesa per la la messa in sicurezza…La Regione riconosce un contributo per ogni pianta da tarfuto…Presentato il Calendario Outdoor della Regione PiemonteLa Regione sostiene con 35 mila euro la candidatura delle…Incontro di Monviso in Movimento a 100 anni dall’appello “A…Un milione di euro alle Unioni Montane, collinari e di…Forestali della Regione al lavoro a SampeyreDalla Regione risorse a favore delle Associazioni FondiarieAppello al voto: Domenica 26 maggio scegli di dire SìValeria Anfosso, candidata della lista “Chiamparino per il Piemonte del…

La Regione ha stanziato 3 milioni e 300 mila euro per riqualificare fiumi e laghi

La montagna offre sempre meravigliose emozioni

I tecnici regionali del Settore Tutela delle Acque, recependo i criteri stabiliti dalla Giunta Chiamparino, su proposta dell’assessore Alberto Valmaggia, hanno elaborato il bando 2019 per i progetti di riqualificazione dei fiumi e dei laghi presenti sul territorio piemontese, comprese le loro aree circostanti. La gara fa seguito a quella del 2018 nella quale erano state finanziate sette proposte, per un totale di 1.311.000 euro. In provincia di Cuneo aveva ottenuto 124.552 euro l’Unione Montana Valle Maira per garantire la stabilità del rio Preit nel Comune di Canosio. Gli obiettivi del nuovo programma di interventi continuano a essere gli stessi dello scorso anno: mantenere o recuperare il buono stato di qualità delle acque superficiali e sotterrane in conformità con il Piano di gestione del distretto idrografico del Po e del Piano di Tutela delle Acque. I progetti devono riguardare il miglioramento della continuità longitudinale e delle condizioni idromorfologiche dei corpi idrici. Come, ad esempio, facilitare il passaggio dei pesci attraverso la demolizione di vecchie dighe o di blocchi trasversali, realizzare dei dispositivi in grado di ricomporre la continuità biologica dei corsi d’acqua ostacolata da opere idrauliche, ripristinare le aree umide, ridurre la strutturazione artificiale di alvei e sponde con l’eliminazione delle piante infestanti e la messa a dimora di altri alberi così da ridurre il rischio delle alluvioni e assicurare una maggiore fruibilità degli spazi ai cittadini. 

Visto il positivo riscontro ottenuto nel 2018, e data l’importanza dei lavori individuati, l’impegno economico reso disponibile dalla Regione per quest’anno è quasi triplicato, raggiungendo il ragguardevole importo di 3 milioni e 300 mila euro. I fondi sono frutto del reinvestimento dei canoni delle concessioni idriche. 

Alla gara possono partecipare i Comuni, in forma singola o associata, le Province, la Città Metropolitana di Torino e gli Enti Parco. Le domande vanno presentate, in modalità elettronica, entro le ore 12 del 17 maggio 2019. Il limite  massimo finanziabile è di 125.000 euro per intervento e per beneficiario. Nei casi in cui i lavori interessino più soggetti, l’importo massimo assegnabile sarà di 85.000 euro per ogni beneficiario. Fino a un importo complessivo di 850.000 euro. 

“Il bando – sottolinea l’assessore Valmaggia– consente di soddisfare le richieste dell’Unione Europea in merito al mantenimento o al raggiungimento del buono stato di salute delle acque dal punto di vista chimico-biologico e per quanto riguarda l’ecosistema generale. Inoltre, si tratta di lavori molto importanti anche nell’ottica dell’adattamento ai cambiamenti climatici. Infatti, le rive di fiumi e laghi, i pesci che ci vivono e la vegetazione circostante hanno bisogno di un ambiente il più naturale possibile”.

Cosa vi attendete dal bando?“Come è stato per quello dello scorso anno  vorremmo di nuovo innescare un meccanismo virtuoso e diffuso orientato alla tutela delle acque, allo sviluppo sostenibile e al governo condiviso del territorio. In considerazione dell’importanza dei temi oggetto del bando che si pongono lo scopo fondamentale di tutelare l’ambiente, valorizzare il paesaggio e salvaguardare la risorsa idrica, bene indispensabile per la nostra collettività, lancio l’invito a tutti i possibili beneficiari dei finanziamenti di valutare la partecipazione alla gara”.

Il testo del bando è scaricabile dal Bollettino Ufficiale della Regione al link http://www.regione.piemonte.it/bandipiemonte/cms/sites/default/files/dda1600000518_1040.pdf

Per informazioni ci si può rivolgere al Settore Tutela delle Acque scrivendo all’indirizzo mail tutela.acque@regione.piemonte.it

scroll to top