News dal territorio
Monviso in Movimento riparte dai giovani con uno sguardo attento…Alberto Valmaggia: “E’ stata una bella e coinvolgente esperienza”Alberto Valmaggia: “Nel 2014 abbiamo ereditato un ente sull’orlo del…Federico Borgna si schiera con Sergio Chiamparino e sostiene la…1 milione di euro per il rinnovo dei veicoli inquinanti…L’Assessore Alberto Valmaggia: “La provincia di Cuneo, modello virtuoso nella…Federico Borgna: “Il 26 maggio diciamo due sì, uno alla…Andrea Olivero sostiene la Lista Chiamparino per il Piemonte del…“Non dobbiamo tornare indietro, ma andare avanti”Piemonte 1° in Italia nella gestione dei fondi della Cooperazione…“Una montagna di opportunità” a Paesana con la lista Chiamparino…A Roma con gli assessori delle Regioni del Bacino Padano3 milioni di euro di contributo per la stesura dei…Nuovo contratto dei Forestali della Regione: soddisfazione da parte dei…2 milioni e 400 mila euro di nuove risorse per…Approvato il piano straordinario di interventi di ripristino del territorioOltre 17 milioni di euro dalla Regione per garantire il…Nuove risorse della Regione ai Vigili del Fuoco VolontariCampeggio libero, per la prossima stagione estiva non cambierà nullaC’è la nuova legge regionale per la MontagnaÈ pronta la Lista “Chiamparino per il Piemonte del Sì”Approvati i criteri per l’assegnazione di contributi per l’efficientamento energetico…Enrico Tesio candidato della lista “Chiamparino per il Piemonte del…Valeria Anfosso candidata per la Lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvata la nuova Legge in materia di tutela, valorizzazione e…Franco Demaria candidato con la lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvato il nuovo Piano regionale di Qualità dell’Aria, documento programmatico…Dalla Regione 2 milioni e 50 mila euro per rimuovere…Assegnati 2 milioni e mezzo di euro per tutte le…Visita alle istituzioni europee di StrasburgoFirmato l’accordo preliminare per il rinnovo del contratto integrativo regionale…Emergenza incendi, grazie ai volontari Aib e a tutto il…La Regione Piemonte premiata a Roma per le Associazioni FondiarieApprovata la legge regionale che istituisce circa 10mila ettari di…Indennità compensativa: stanziati 22 milioni di euro in più di…Forestali Regionali, gli interventi più significativi del 2018 nelle Valli…Operai forestali al lavoroMonviso in Movimento lancia 14 Comitati del SìEletto il nuovo direttivo di Monviso in MovimentoIl Gal “Tradizione delle Terre Occitane” presenta due anni di…Definiti i criteri per la concessione di nuovi contributi ai…Approvata la Carta Etica della montagnaApprovato il Protocollo d’Intesa per la la messa in sicurezza…La Regione riconosce un contributo per ogni pianta da tarfuto…Presentato il Calendario Outdoor della Regione PiemonteLa Regione sostiene con 35 mila euro la candidatura delle…Incontro di Monviso in Movimento a 100 anni dall’appello “A…Un milione di euro alle Unioni Montane, collinari e di…Forestali della Regione al lavoro a SampeyreDalla Regione risorse a favore delle Associazioni FondiarieAppello al voto: Domenica 26 maggio scegli di dire SìValeria Anfosso, candidata della lista “Chiamparino per il Piemonte del…

La visita di Andrea Olivero all’Istituto Zooprofilattico

“Siamo di fronte a una struttura all’avanguardia nel dare sicurezza ai cittadini, in quanto ci lavorano persone competenti ed esperte che vigilano costantemente sulla salute e sulla salubrità degli alimenti. Garantendo anche la qualità dell’agroalimentare della “Granda” esportato in tutto il mondo”.
Sono state le dichiarazioni del viceministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Andrea Olivero, al termine della visita alla moderna sezione provinciale di Cuneo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Con la sede in via Pertini. Il Centro delle tre Regioni, nato nel 1913, offre un ampia gamma di servizi destinati ai cittadini e al settore pubblico. I compiti principali sono la tutela della salute del consumatore, la salvaguardia della salute e del benessere degli animali, l’azione di controllo sulla sicurezza alimentare e sulla produzione di mangimi. L’Istituto garantisce la sorveglianza del potenziale rischio per i consumatori e collabora con le autorità regionali, nazionali ed europee nell’attuare le strategie di prevenzione. Dalla sede principale di Torino, l’Istituto coordina una rete di dieci sedi distaccate provinciali: oltre a Cuneo; Asti; Alessandria; Novara; Vercelli; Aosta; Genova; Imperia; La Spezia; Savona. Vi lavorano 448 persone tra veterinari, chimici biologi, statistici, tecnici di laboratorio, informatici e personale amministrativo.
Nella struttura del capoluogo della “Granda”, in cui operano 23 dipendenti (3 veterinari, 1 biologo, 15 tecnici di laboratorio, 2 periti chimici e 2 tecnici amministrativi), l’esponente del Governo è stato accolto dalla direttrice generale dell’Istituto, Maria Caramelli, dal direttore amministrativo, Bruno Osella, e dal responsabile delle sezione locale, Giancarlo Pistone. Costruito nel 1985, il complesso di via Pertini è stato ristrutturato nel 2012 e nel 2016. “In questa sede – ha sottolineato la direttrice Caramelli – si vigila sulla salute del patrimonio zootecnico di una provincia – quella di Cuneo – tra le più importanti del Piemonte e dell’Italia, con oltre 600.000 capi bovini e più di 1.200.000 esemplari suini”.
Poi, ha spiegato l’attività svolta quotidianamente: “La squadra di Cuneo vigila sullo stato sanitario degli allevamenti con oltre 140.000 esami all’anno, monitorando le malattie e le infezioni degli animali e proteggendo, in questo modo, gli allevatori dalle possibili perdite economiche. Inoltre, l’Istituto combatte anche i trattamenti con farmaci anabolizzanti, per tutelare i consumatori e dare il giusto merito ai tanti imprenditore del settore onesti. Nel 2016, su 1500 campioni prelevati a sorpresa solo cinque contenevano farmaci vietati”.
Infine, il cibo: “In un’ottica di controllo completo della filiera, la sicurezza del consumatore è garantita anche attraverso oltre 8800 analisi all’anno su alimenti in produzione o commercializzati”.
Durante l’incontro è stata confermato l’impegno comune di Ministero e Istituto a individuare strategie di lungo termine per la tutela, sanitaria ed economica, del capitale zootecnico e per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari locali.
E proprio sulle paure generate da certi fenomeni che, negli ultimi anni, hanno condizionato l’alimentazione italiana, il viceministro Olivero è stato chiaro. “E’ sicuramente vero – ha affermato – che nel nostro Paese a volte ci sono truffe e delle situazioni problematiche, ma dobbiamo dire con certezza che vengono continuamente vigilate. Per cui, non bisogna cedere agli allarmismi e smetterla di seguire mode alimentari isteriche. Invece, è necessario informarsi su quali alimenti sono più utili per il nostro mangiare quotidiano e, dopo, scegliere la qualità dei prodotti freschi delle nostre terre. Comprare prodotti del territorio è il miglior modo per essere sicuri di fornire a noi stessi, ai nostri figli e alle nostre famiglie, un’alimentazione sana ed equilibrata”.

scroll to top