News dal territorio
Nuovo contratto dei Forestali della Regione: soddisfazione da parte dei…2 milioni e 400 mila euro di nuove risorse per…Approvato il piano straordinario di interventi di ripristino del territorioOltre 17 milioni di euro dalla Regione per garantire il…Nuove risorse della Regione ai Vigili del Fuoco VolontariCampeggio libero, per la prossima stagione estiva non cambierà nullaC’è la nuova legge regionale per la MontagnaÈ pronta la Lista “Chiamparino per il Piemonte del Sì”Approvati i criteri per l’assegnazione di contributi per l’efficientamento energetico…Enrico Tesio candidato della lista “Chiamparino per il Piemonte del…Valeria Anfosso candidata per la Lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvata la nuova Legge in materia di tutela, valorizzazione e…Franco Demaria candidato con la lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvato il nuovo Piano regionale di Qualità dell’Aria, documento programmatico…Dalla Regione 2 milioni e 50 mila euro per rimuovere…Assegnati 2 milioni e mezzo di euro per tutte le…Visita alle istituzioni europee di StrasburgoFirmato l’accordo preliminare per il rinnovo del contratto integrativo regionale…Emergenza incendi, grazie ai volontari Aib e a tutto il…La Regione Piemonte premiata a Roma per le Associazioni FondiarieApprovata la legge regionale che istituisce circa 10mila ettari di…Indennità compensativa: stanziati 22 milioni di euro in più di…Forestali Regionali, gli interventi più significativi del 2018 nelle Valli…Operai forestali al lavoroMonviso in Movimento lancia 14 Comitati del SìEletto il nuovo direttivo di Monviso in MovimentoIl Gal “Tradizione delle Terre Occitane” presenta due anni di…Definiti i criteri per la concessione di nuovi contributi ai…Approvata la Carta Etica della montagnaApprovato il Protocollo d’Intesa per la la messa in sicurezza…La Regione riconosce un contributo per ogni pianta da tarfuto…Presentato il Calendario Outdoor della Regione PiemonteLa Regione sostiene con 35 mila euro la candidatura delle…Incontro di Monviso in Movimento a 100 anni dall’appello “A…Un milione di euro alle Unioni Montane, collinari e di…Forestali della Regione al lavoro a SampeyreDalla Regione risorse a favore delle Associazioni FondiarieIl 24 aprile Chiamparino in tour in Alta Val Tanaro…

Le riflessioni di Alberto Valmaggia sull’ipotizzata revisione dello Statuto della Fondazione Crc

Viviamo in un territorio ricco di risorse umane ed economiche, con un patrimonio di storia di cui siamo orgogliosi e con importanti opportunità per il nostro futuro. La lunga traversata della crisi, che pure ci ha in parte risparmiati, ci ha insegnato che dalle difficoltà se ne esce insieme e questo è per noi il senso della politica, nel dialogo tra sensibilità diverse. Nel patrimonio di cui possiamo disporre nella nostra provincia, la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo rappresenta una risorsa importante per la cooperazione che può offrire al territorio, dialogando in particolare con le sue istituzioni pubbliche, democraticamente legittimate, come sono gli Enti locali rappresentati nei suoi Organi, a testimonianza del ruolo decisivo nella nascita della Fondazione e nella sua vita attuale. Senza un dialogo permanente e rispettoso con questi soggetti del territorio rischia di indebolirsi anche il ruolo della Fondazione, che non risiede solo nei contributi finanziari che può offrire, ma anche e forse di più, in una visione condivisa di strategie per lo sviluppo delle nostre comunità verso le quali i nostri Enti locali portano una responsabilità importante. E’ nell’interesse di tutti che questo dialogo avvenga alla luce del sole, evitando tentazioni di intese sotterranee e calcoli di interessi personali. Pertanto, nel momento in cui si ipotizza una revisione dello Statuto rispetto alla rappresentatività degli attori locali all’interno del Consiglio Generale dell’Ente,  si auspica che questo dialogo, aperto e trasparente, che negli anni recenti ha dato frutti importanti e introdotto innovazioni feconde, sia mantenuto se non rafforzato. Parimenti si auspica che sia tenuta in considerazione un’adeguata rappresentatività delle diverse realtà territoriali, nella convinzione che, da una pluralità di apporti, derivi la ricchezza progettuale del Consiglio di Indirizzo, vero specchio di una comunità nella quale la Fondazione affonda le sue radici e per la quale deve continuare a spendersi”.

Alberto Valmaggia

 

 

scroll to top