News dal territorio
Monviso in Movimento riparte dai giovani con uno sguardo attento…Alberto Valmaggia: “E’ stata una bella e coinvolgente esperienza”Alberto Valmaggia: “Nel 2014 abbiamo ereditato un ente sull’orlo del…Federico Borgna si schiera con Sergio Chiamparino e sostiene la…1 milione di euro per il rinnovo dei veicoli inquinanti…L’Assessore Alberto Valmaggia: “La provincia di Cuneo, modello virtuoso nella…Federico Borgna: “Il 26 maggio diciamo due sì, uno alla…Andrea Olivero sostiene la Lista Chiamparino per il Piemonte del…“Non dobbiamo tornare indietro, ma andare avanti”Piemonte 1° in Italia nella gestione dei fondi della Cooperazione…“Una montagna di opportunità” a Paesana con la lista Chiamparino…A Roma con gli assessori delle Regioni del Bacino Padano3 milioni di euro di contributo per la stesura dei…Nuovo contratto dei Forestali della Regione: soddisfazione da parte dei…2 milioni e 400 mila euro di nuove risorse per…Approvato il piano straordinario di interventi di ripristino del territorioOltre 17 milioni di euro dalla Regione per garantire il…Nuove risorse della Regione ai Vigili del Fuoco VolontariCampeggio libero, per la prossima stagione estiva non cambierà nullaC’è la nuova legge regionale per la MontagnaÈ pronta la Lista “Chiamparino per il Piemonte del Sì”Approvati i criteri per l’assegnazione di contributi per l’efficientamento energetico…Enrico Tesio candidato della lista “Chiamparino per il Piemonte del…Valeria Anfosso candidata per la Lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvata la nuova Legge in materia di tutela, valorizzazione e…Franco Demaria candidato con la lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvato il nuovo Piano regionale di Qualità dell’Aria, documento programmatico…Dalla Regione 2 milioni e 50 mila euro per rimuovere…Assegnati 2 milioni e mezzo di euro per tutte le…Visita alle istituzioni europee di StrasburgoFirmato l’accordo preliminare per il rinnovo del contratto integrativo regionale…Emergenza incendi, grazie ai volontari Aib e a tutto il…La Regione Piemonte premiata a Roma per le Associazioni FondiarieApprovata la legge regionale che istituisce circa 10mila ettari di…Indennità compensativa: stanziati 22 milioni di euro in più di…Forestali Regionali, gli interventi più significativi del 2018 nelle Valli…Operai forestali al lavoroMonviso in Movimento lancia 14 Comitati del SìEletto il nuovo direttivo di Monviso in MovimentoIl Gal “Tradizione delle Terre Occitane” presenta due anni di…Definiti i criteri per la concessione di nuovi contributi ai…Approvata la Carta Etica della montagnaApprovato il Protocollo d’Intesa per la la messa in sicurezza…La Regione riconosce un contributo per ogni pianta da tarfuto…Presentato il Calendario Outdoor della Regione PiemonteLa Regione sostiene con 35 mila euro la candidatura delle…Incontro di Monviso in Movimento a 100 anni dall’appello “A…Un milione di euro alle Unioni Montane, collinari e di…Forestali della Regione al lavoro a SampeyreDalla Regione risorse a favore delle Associazioni FondiarieAppello al voto: Domenica 26 maggio scegli di dire SìValeria Anfosso, candidata della lista “Chiamparino per il Piemonte del…

Nuovo contratto dei Forestali della Regione: soddisfazione da parte dei sindacati

La Giunta Chiamparino, su proposta dell’assessore, Alberto Valmaggia, ha recepito l’accordo preliminare firmato, in precedenza, dallo stesso assessore con le organizzazioni sindacali, per il rinnovo del contratto integrativo dei lavoratori forestali della Regione. Riguarda, al momento, 435 addetti, ma con le ultime assunzioni si sta di nuovo arrivando all’organico previsto di 471 persone. Il  provvedimento, oltre a rivedere la tutela lavorativa e la rappresentanza sindacale, riconosce le indennità per la professionalità messa in campo dagli operatori e i nuovi importi maggiorati riguardanti il salario integrativo regionale. Come l’aumento retributivo mensile lordo previsto per gli operai a partire dal 1º gennaio 2019: primo livello-36,22 euro; secondo livello-39,11 euro; terzo livello-40,2 euro; quarto livello-42,01 euro; quinto livello-44,55 euro.  E per gli impiegati che va da  34,96 euro del primo livello ai 53,13 euro del sesto livello. “Dopo anni di attesa– sottolinea l’assessore Valmaggia – si è data una risposta concreta a un settore prezioso per la cura del territorio e la prevenzione dai rischi del suo dissesto idrogeologico. Sono fatti concreti, sicuramenti migliorabili, ma che dimostrano l’attenzione e la stima mia personale e dell’assessorato verso tutti i forestali piemontesi: operatori delle cui capacità la nostra regione non potrebbe fare a meno.Il loro lavoro è insostituibile per le nostre comunità, soprattutto nelle zone marginali”.

Molto soddisfatti sono anche i sindacati. “La trattativa è partita in salita– dicono i rappresentanti di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil – con la preoccupazione di indebolimento di un comparto che non riusciva a chiudere il contratto dal 2011 e con il forte rischio di una lunga agonia la quale avrebbe portato, come in altre regioni, al depauperamento e alla parola fine della manutenzione pubblica del territorio a favore dei privati, rischiando di perdere la grande professionalità acquisita e dimostrata dai lavoratori addetti alla sistemazione idraulica forestale del Piemonte. Invece, dopo mesi di trattativa si è finalmente raggiunto l’accordo riportando al centro il lavoro forestale e conquistando molte migliorie sindacali ed economiche”.

In sostanza?“I risultati ci consentono di recuperare occupazione, di avere la garanzia di un numero di addetti minimo utile per l’efficienza dei cantieri, di riconoscere alcune nuove professionalità. I Comitati paritetici provinciali garantiranno ai lavoratori il diritto alla formazione e alla loro conseguente crescita professionale, condizioni normative di miglior favore rispetto al precedente contratto, aumento salariale e rilancio del settore. Certo, otto anni di contrattazione non si riescono a recuperare facilmente. Ma il percorso avviato porterà a un reale recupero del potere d’acquisto dei lavoratori del comparto che, tra l’altro, dal 2009, devono anche fare i conti con il mancato rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale. Si tratta di un notevole passo in avanti, che non era affatto scontato”.         

scroll to top