News dal territorio
Franco Demaria candidato con la lista “Chiamparino per il Piemonte…Approvato il nuovo Piano regionale di Qualità dell’Aria, documento programmatico…Dalla Regione 2 milioni e 50 mila euro per rimuovere…Assegnati 2 milioni e mezzo di euro per tutte le…Visita alle istituzioni europee di StrasburgoFirmato l’accordo preliminare per il rinnovo del contratto integrativo regionale…Emergenza incendi, grazie ai volontari Aib e a tutto il…La Regione Piemonte premiata a Roma per le Associazioni FondiarieApprovata la legge regionale che istituisce circa 10mila ettari di…Indennità compensativa: stanziati 22 milioni di euro in più di…Forestali Regionali, gli interventi più significativi del 2018 nelle Valli…Operai forestali al lavoroMonviso in Movimento lancia 14 Comitati del SìEletto il nuovo direttivo di Monviso in MovimentoIl Gal “Tradizione delle Terre Occitane” presenta due anni di…Definiti i criteri per la concessione di nuovi contributi ai…Approvata la Carta Etica della montagnaApprovato il Protocollo d’Intesa per la la messa in sicurezza…La Regione riconosce un contributo per ogni pianta da tarfuto…Presentato il Calendario Outdoor della Regione PiemonteLa Regione sostiene con 35 mila euro la candidatura delle…Incontro di Monviso in Movimento a 100 anni dall’appello “A…Un milione di euro alle Unioni Montane, collinari e di…Forestali della Regione al lavoro a SampeyreDalla Regione risorse a favore delle Associazioni FondiarieRiuso e rigenerazione urbana in Piemonte

Piemonte, urbanistica: ok dello Stato alla legge regionale sul riuso e la riqualificazione dell’edificato

03/03/2015 Aula - X LEGISLATURA - Assessore Alberto Valmaggia

Arrivata l’ufficialità: la legge regionale 16/2018 in materia di riuso e riqualificazione dell’edificato, approvata dal Consiglio regionale lo scorso 25 settembre, che va a disciplinare procedure edilizie innovative e semplificate che promuovono il recupero dell’edificato quale scelta prioritaria e alternativa all’occupazione di suolo libero, non sarà impugnata dallo Stato per vizi di costituzionalità.

Nelle scorse settimane, la direzione Affari istituzionali e avvocatura della Regione aveva ricevuto alcuni rilievi tecnici da parte del Ministero della Giustizia, del Ministero dei Beni e delle attività culturali e, in ultimo, dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ai quali gli uffici regionali hanno prontamente controdedotto. Nulla di nuovo, se si pensa che da sempre, qualsiasi legge regionale in materia urbanistica, anche la recente l.r. n. 3 del 2013, proprio perché a cavallo tra competenze esclusive dello Stato e concorrenti tra Stato e Regione, ha originato osservazioni poi rientrate.

Al termine delle riunione di ieri del Consiglio dei Ministri, si è appresa la notizia della non volontà da parte del Governo di impugnare la legge regionale per incostituzionalità, a fronte dell’impegno della Regione a operare precisazioni non sostanziali all’interno del testo normativo, in particolare rispetto ai temi delle distanze tra edifici e sull’affermazione della preminenza del Piano paesaggistico nell’ambito delle modalità attuative della legge.

“Il Piemonte ha da poco una legge sul riuso fortemente condivisa dai portatori di interesse e dalle organizzazioni di categoria che rappresentano il territorio, ricca di elementi innovativi per una ripresa del settore edilizio in chiave di sostenibilità – afferma l’Assessore regionale all’Urbanistica, Alberto Valmaggia –. Forse è proprio questa positività di fondo che ha fatto scattare la smania mediatica del Gruppo consiliare di Forza Italia, e in particolare del Consigliere Graglia, che solo qualche giorno fa, su alcune testate giornalistiche, dava per impugnata la norma. La non impugnativa dà atto della bontà del provvedimento, nonché della competenza dei tecnici regionali che hanno contribuito alla costruzione della legge”.

scroll to top