PIU’ CHE IL TOPO SPEEDY GONZALES, LA REGIONE TARGATA CIRIO E’ UNA LUMACA

Settimana difficile per il Presidente Alberto Cirio che deve fare i conti con una maggioranza che dà segnali di cedimento e molta approssimazione nella gestione della “cosa pubblica”.

Prima è rimbalzata la notizia della proposta della Lega Nord per Salvini di aumentare di 1.000 euro al mese lo stipendio della Giunta Regionale del Piemonte. Secondo il capogruppo delle camicie verdi Alberto Preioni, dopo i tagli operati dalla Giunta Chiamparino nel 2016, lo stipendio degli Assessori è troppo basso. Dopo la sollevazione delle opposizioni e dell’opinione pubblica sui social, immediato “dietro front” e la proposta, almeno per il momento, è stata ritirata. 

Un’altra “grana” arriva dal nuovo Presidente ATC (Case Popolari) del Piemonte Nord Luigi Songa che, appena nominato, ha esposto nel suo ufficio simboli ed effigi fasciste. Le opposizioni chiedono a gran forza le dimissioni. Chissà cosa ne pensa il Presidente Cirio che un mese fa a Ceretto, nel giorno del ricordo dell’eccidio dei Martiri del 1944 si è dichiarato “profondamente antifascista”.  

Leggiamo poi i primi impietosi dati statistici del Consiglio regionale raffrontati con lo stesso periodo del Governo Chiamparino. Una sola legge approvata nei primi otto mesi contro le quindici della legislatura precedente. L’ambizioso slogan promesso in campagna elettorale “UN’ALTRA VELOCITA’ PER IL PIEMONTE”  è davvero una chimera. Più che “Speedy Gonzales” il topo più veloce dei cartoon, la nuova Amministrazione regionale pare una lumaca….

scroll to top