#Progettiamo il futuro

Amministrare è sempre più difficile e tra le doti necessarie per un Sindaco o un Consigliere comunale bisogna avere preparazione, competenza e una buona dose di coraggio. Non è più possibile improvvisare e tra le qualità di un buon amministratore c’è  sicuramente quella di programmare e pianificare gli obiettivi di mandato.

Recenti studi  pubblicati sui siti ministeriali danno numeri interessanti sullo sblocco degli investimenti avvenuto nel corrente anno per i  settori dell’Edilizia scolastica, dell’impiantistica sportiva e del dissesto idrogeologico. Molti amministratori piemontesi (430 Comuni, 5 Province e la Città metropolitana)  sono stati attenti a cogliere queste opportunità.  Il comune denominatore era avere progetti pronti e cantierabili.

La riflessione che mi viene è che, sempre di più, bisogna investire sulla programmazione. Solo avendo progetti pronti si possono ottenere prima i finanziamenti e poi la possibilità di poterli spendere.

Il Piemonte si è portato a casa, nel 2018,  il 15% degli spazi nazionali pari a 139 milioni di possibili investimenti finanziati in gran parte dagli avanzi di amministrazione. A questi numeri si aggiunge anche la misura introdotta dalla Regione Piemonte che permetterà altri 20 milioni di investimenti. Quasi 160 milioni di euro di lavori pubblici che, se bene spesi, non potranno che far bene al territorio e, anche,  all’economia piemontese.

Un’ultima segnalazione: mancano pochi giorni alla scadenza prevista il prossimo 30 aprile, per partecipare al bando del Ministero dell’Ambiente riservato ai Comuni per avere risorse per finanziare progetti per l’eliminazione dell’amianto da edifici comunali. Non perdiamo quest’occasione. Investiamo, quindi,  nella programmazione per aver un parco progetti aggiornati  e cantierabili. Bandi per finanziamenti e spazi finanziari poi arrivano.

 

Alberto Valmaggia

scroll to top